17 marzo 2019: Giornata Mondiale di Preghiera

La parabola del gran convito ( Luca 14: 15-24 ), dove Gesù paragona il regno di Dio a un banchetto, è stato l’oggetto della meditazione che Carla Sueri ha svolto domenica 17 marzo durante l’incontro per la Giornata Mondiale di Preghiera delle donne.

È stato, infatti, il versetto “Venite, tutto è pronto” – tratto dalla predetta parabola – il tema che il Comitato organizzatore della GMP 2019 ha proposto, sequendo le indicazioni liturgiche fornite dal sottocomitato delle donne slovene.

Seguendo tale traccia liturgica i presenti al culto sono stati condotti – attraverso la proiezione di varie diapositive – a immergersi virtualmente nella realtà Slovena.

La Slovenia è una delle più piccole nazioni europee ma è dotata – per la bontà del Signore, come scrivono le donne delle chiese slovene – di innumerevoli bellezze naturali: dalle pianure della Pannonia ai monti verdeggianti di alberi ad alto fusto, al Carso con le sue grotte e spelonche misteriose, fino alla costa lambita dal mare Adriatico.

 

Le caratteristiche slovene sono state rese evidenti – simbolicamente – anche sul tavolo posto davanti al pulpito: una pagnotta di pane bianco in un cestino; una brocca di vino ( in maiolica come si usa in Slovenia ); sale ( prodotto tipo della città di Piran); una zuppiera ( oggetto tipo della Slovenia); cesti di garofani ( fiori simbolo della Slovenia ). Fiori che alla fine sono stati distribuiti ai presenti.

Oltre all’aspetto geografico e simbolico la traccia liturgica prevedeva uno spazio nel quale le donne slovene si raccontavano.

Abbiamo così ascoltato – lette dal gruppo delle rappresentanti delle varie chiese ecumeniche cittadine – le esperienze di Marjeta, Mojca, Marija, Ema, Natascia seguite, ognuna, da brevissime riflessioni e da invocazioni al Signore.

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA - CT 17 MAR 2019

 

Testimonianze che hanno toccato la mente e il cuore dei presenti e mostrato lo spaccato di una società che, come tante ormai, è piena di complessità, ingiustizie, preconcetti, indifferenza e nella quale le donne sono maggiormente gravate nel processo di divisione del lavoro e della cura delle famiglie.

Una società che – dal punto di vista della statistica delle religioni – registra una maggioranza cristiana [ cattolici ( 78 % ), ortodossi ( 2,4 % ), Luterani ( 0,9 %) e altri evangelici) ] ma che in pratica vede le chiese storiche, in genere, scarsamente attive.

Pertanto, il contributo delle donne slovene a questa GMP 2019, è frutto – possiamo presumere – di quel residuo di credenti che ancora mostra segni di vitalità.

A Catania l’evento è stato preparato da varie comunità ecumeniche: chiesa anglicana, avventista, cattolica, focolari, luterana, battista-capuana, valdese, salutista.

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA - CT 17 MAR 2019

Il ricavato netto della colletta fin ale è stato di euro 253,00. Questa somma sarà spedita, con la causale “offerta GMP 2019 Slovenia”, presso il conto bancario indicato dal Comitato GMP Italia.

Come spiegato dal predetto Comitato queste offerte sono finalizzate a finanziare un progetto rivolto alle donne vittime della tratta di esseri umani in Slovenia e decise a uscirne.

Il progetto è dell’organizzazione non governativa “Centro di lotta contro il traffico di esseri umani (Centre for Fight Against Trafficking in Human Beings)” e prevede il reinserimento nella società di donne che hanno vissuto esperienze di prostituzione coatta.

A loro saranno offerte consulenza psicosociale e cure mediche. Inoltre, potranno seguire corsi di formazione professionale: parrucchiera, estetista, sarta, attività nel settore alberghiero e così via.

Saranno infine seguite nella ricerca di un lavoro e nelle pratiche per richiedere un permesso di soggiorno di lungo periodo.

Le nostre preghiere affinchè questo progetto si realizzi e porti frutto.

LINK A GALLERIA FOTOGRAFICA

17 febbraio 2019: Festa della libertà

Bella domenica passata festeggiando il 17 febbraio. In questo giorno, nel 1848, ai valdesi venivano concessi i diritti di cittadinanza e di libertà di culto dal re Carlo Alberto. Si sanciva così la fine di 700 anni di persecuzioni e di emarginazione. Oggi questa festa, detta della libertà, vuole includere tutti quelli che soffrono per mancanza di libertà e di diritti.
Con la comunità battista abbiamo avuto ospiti e abbracciato i ragazzi del nostro piccolo centro di accoglienza “granello di senape” è una parte dell’equipaggio della Sea Watch , ragazzi splendidi tenuti pretestuosamente fermi al porto di Catania.

26 gennaio 2019: Eutanasia e Suicidio assistito. Una prospettiva protestante

Sabato 26 gennaio a cura delle chiese battista e valdese di Catania, e dell’associazione “prof. S. Navarria” incontro, presso la biblioteca “Navarria – Crifò”, sul tema “eutanasia e suicidio assistito: una prospettiva protestante”.

L’evento, che ha raccolto un ampio pubblico, seguiva gli esiti delle assemblee Sinodali valdese 2017, 2018 e Generale 2018 dell’UCEBI le quali avevano discusso il documento “È la fine, per me l’inizio della vita”. Eutanasia e suicidio assistito: una prospettiva protestante” – redatto dalla Commissione Bioetica delle Chiese Battiste, Metodiste e Valdesi – e deliberato di consegnarlo alla successiva riflessione delle chiese.

La dott.ssa Ornella Sala.

A relazionare sono stati la dott.ssa Ornella Sala ( medico specialista in gastroenterologia ) e il prof. Enrico Benedetto ( docente di Teologia pratica presso la Facoltà Valdese di Roma. Pastore protestante valdese).

La dott.ssa Sala ha svolto un’ampia esposizione sia della normativa in atto ( Legge 22 dicembre 2017, n. 219 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento” ) sia del già citato documento “eutanasia e suicido assistito”.

Il prof. Benedetto ha sviluppato il tema secondo una prospettiva cristiana, di tipo relazionale piuttosto che dottrinale.

Catania 26 gen 2019. Incontro su "Eutanasia e suicidio assistito". Il prof. E. Benedetto e la Dott.ssa O. Sala.
Il prof. E. Benedetto e la Dott.ssa O. Sala.

Punti chiari della legge, come esposto dalla relatrice, sono il divieto dell’eutanasia, del suicidio assistito, dell’accanimento terapeutico e il fatto che in “presenza di sofferenze refrattarie ai trattamenti sanitari, il medico può ricorrere alla Sedazione Palliativa Profonda Continua in associazione con la terapia del dolore, con il consenso del paziente” ( SPPC).

Proprio su quest’ultimo punto la relatrice ha sottolineato che, qualora si ricorresse alla SPPC,  il malato passerebbe, in uno stato di completa incoscienza, dalla vita alla morte: come se la sua anima fosse separata dal corpo, come se già fosse spezzata la sua interezza di corpo, anima, spirito. Quindi con la SPPC il malato si trova di fatto ad essere già morto e questo è un problema etico rilevante.

La relatrice ha offerto un sintetico panorama delle normative in vigore in altri stati per quanto attiene al problema del fine vita.

Ovviamente la relatrice ha illustrato altri punti nodali della citata legge come il “diritto all’informazione” e “l’alleanza terapeutica fra malato e medico”.

Non si è neanche sottratta dal riferire che il fine vita è un problema complesso non solo per i suoi aspetti clinici ed esistenziali ma per gli aspetti ideologici. Esistono due scuole di pensiero:

  1. a) Quelli che sostengono il valore assoluto della vita e della sua sacralità e per i quali la vita è un dono di Dio.
  2. b) Quelli che sostengono l’autonomia individuale nel decidere della propria vita di fronte alla sofferenza, mettendo in evidenza l’aspetto materiale e la qualità della vita.

Catania 26 gen 2019. Il prof. Enrico Benedetto.

Il prof. Benedetto ha fatto comprendere che una lettura ottusa delle Scritture può essere di ostacolo alle richieste che possono provenire dal malato oppresso da una sofferenza insopportabile: il “tu partorirai i figli con dolore” scritto in genesi diventò per secoli il rifiuto di ogni terapia antalgica.

Il racconto di genesi ( Dio induce un sonno profondo in Adamo onde toglierli una costola ) diventò, più recentemente, uno dei grimaldelli per non considerare l’anestesia un intervento indebito.

Ha richiamato altresì la figura di Gesù. “Egli non si occupava di casistica, di quadro giuridico, di normatività. …. Gesù non incontrava casi ma trovava persone ( .. ) il suo modo di procedere ci dice che …. non aveva un concetto della sacralità della vita ma insistevasull’unicità e dignità della vita: perché la vita sia vita; non basta vivere!”

Infine, a proposito del testamento biologico, ha reso accorti sul fatto che  “chi è orientato verso un testamento biologico spesso tiene conto di un elemento di cui nessun legislatore potrebbe farsi carico: « non voglio essere di peso ai miei cari». Se tradizionalmente i non malati si preoccupano dei malati, in condizioni di accresciuta solitudine sono i malati che si preoccupano dei non malati, soprattutto se sono genitori”.

“Dietro quella frase c’è la paura, non solo della morte, ma di essere lasciati soli nel momento più difficile della vita”.

Ma in questo modo la dimensione del suicidio in nome degli altri, si accresce e ciò va considerato”. Il fine vita diventa così un groviglio di solitudini ( del malato, dei curatori d’anime, dei medici, degli amici, ..) ed è importante che in quei momenti queste solitudini imparino a parlarsi”.

14 ottobre 2018: Avvio nuovo anno catechetico

Con un culto, svolto nei locali di chiesa adibiti alle attività sussidiarie, partecipato sia dagli adulti sia dai bambini/e si è dato ufficialmente inizio – domenica 14 ottobre 2018 presso il tempio della chiesa valdese ( via Naumachia 18 Catania )  – al nuovo anno della Scuola Domenicale

Silvia Rapisarda, pastora delle chiese battista e valdese di Catania, ha condotto la speciale liturgia nel corso della quale l’annuncio del Vangelo è stato fatto ( con parole, segni, simboli, filmati, slide, animazioni, canti ) a misura della comprensione di un pubblico tanto eterogeneo per età.

È stato reso noto il filo conduttore della Scuola Domenicale di questo nuovo ecclesiastico e mostrati i pannelli dove di volta in volta verranno applicati i lavori svolti dai fanciulli / dalle fanciulle.

Quest’anno, seguendo il programma della rivista “La Scuola Domenicale” [ rivista del Servizio Istruzione ed Educazione ( S.I.E.) della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia ( F.C.E.I.)] il tema sarà quello del Vangelo Di Giovanni: i “segni” e gli “io sono” di Gesù.

Perciò, nel corso degli incontri domenicali i bambini / le bambine saranno portati/e a riflettere e poi comporre dei disegnini su “il profeta e l’agnello”, “il segno della festa”, “il segno della guarigione”, … “io sono la via, la verità e la vita”, “io sono la vera vite”.

I disegnini, già presenti in bozza nel materiale didattico, dovranno essere applicati su un grande poster del Vangelo di Giovanni. Un poster, disegnato da Umberto Stagnaro, che rappresenta un paesaggio montagnoso con il mare sullo sfondo a rappresentare la Palestina.

Nelle intenzioni dei redattori di “La scuola domenicale” le lezioni domenicali dovrebbero snodarsi come “viaggio attraverso il Vangelo di Giovanni: si parte con il Prologo. In questa bellissima poesia Gesù viene presentato come il Cristo di Dio. Ci troviamo in alto, presso Dio. Nel corso del racconto dell’evangelista, Gesù si abbassa verso l’umanità per ritornare poi verso il Regno dei cieli. L’artista [ Umberto Stagnaro] ha cercato di dare visibilità a questo movimento narrato nel Vangelo di Giovanni con il percorso che scende dalla montagna, attraversa la valle e risale su un’altra montagna. Sulla pianura si trovano i riferimenti biblici alle sette parole “Io sono.. “ presenti solo nel Vangelo di Giovanni.

Le avverse condizioni meteo della giornata non hanno permesso ad alcuni bambini che abitano in paesini dell’hinterland catanese di essere presenti a questo speciale culto.

Al momento attuale la Scuola Domenicale è frequentata da una mezza dozzina di bambini/bambine: Laura, Ian, Natan, Alessandro, Lorenzo, Eleonora, Paolo.

Le monitrici, coordinate dalla pastora, sono attualmente Sara, Dora, Carla, Maria Luisa.

Quella della Scuola Domenicale è una sfida severa per le nostre chiese. Forse, non sempre, presso le famiglie, si coglie l’importanza che essa ha per il presente e il futuro dei nostri fanciulli / delle nostre fanciulle in riferimento alla loro istruzione religiosa, alla loro formazione di un’identità evangelica e infine alla trasmissione della fede. Questo nel contesto di una realtà esterna molto complessa, nella quale sono presenti molte interazioni:

– una religione di maggioranza che invade gli spazi della scuola pubblica, dell’informazione, delle risorse pubbliche;

– stili di vita secolarizzati dominati dal consumismo, edonismo, indifferenza per i problemi degli ultimi, della giustizia, della salvaguardia del creato;

– dominio dell’informazione essenzialmente attraverso Internet e i social associati, i quali mediante il controllo dei big data consentono ormai di soggiogare e orientare le masse per il tornaconto delle più svariate lobby politiche ed economiche.

Le nostre chiese, pur nella limitatezza dei loro mezzi e delle risorse umane disponibili, cercano di dare il massimo sia a livello locale che nazionale, considerato che la FCEI ha uno specifico settore il S.I.E. che ( avvalendosi di molti e competenti collaboratori / collaboratrici ) pubblica materiale didattico di qualità.

Ma se manca il contributo attivo delle famiglie ogni attività delle chiese è vana. Fare esempi esplicativi su questo argomento richiederebbe, di per se, un capitolo a parte.

Ringraziamo perciò il Signore che nella sua benignità ci concede la Sua Grazia, e assidui nella preghiera, confidiamo nelle Sue benedizioni per i nostri fanciulli / le nostre fanciulle, le nostre monitrici, le nostre famiglie.

27 agosto 2018: Battisti, valdesi e luterani a Catania per la nave Diciotti.

Centinaia di manifestanti nella città etnea per chiedere lo sblocco della situazione dei migranti.

Battisti, valdesi e luterani a Catania per la nave Diciotti

Passerà alla storia, o più semplicemente alla cronaca, come “la protesta degli arancini” la manifestazione pro-migranti tenuta al porto di Catania il 22 agosto. Centinaia di manifestanti hanno voluto dare un benvenuto ai migranti segregati sulla Diciotti ed esprimere il loro dissenso contro la politica del ministro Salvini e del governo Lega-M5S.

Sconcertante è apparso il braccio di ferro ingaggiato dal Governo italiano contro le Istituzioni comunitarie al fine di piegare i Paesi europei, senza precisare quali, ad accogliere le richieste italiane, facendo pagare il costo della sfida a povere persone, provate da tutto ciò che significa oggi l’emigrazione dall’Africa e titolari di diritti inalienabili, come quelli che spettano a chi scappa da conflitti armati.   Le chiese battista, luterana e valdese, che da anni sono impegnate in servizi di accoglienza, alfabetizzazione e tutoraggio si sono ritrovate in prima linea o, comunque, ben addentro ai motivi della protesta e della denuncia.

Già il 15 luglio, nel corso di un culto sulle pendici dell’Etna, battisti/e e valdesi avevano approvato un documento dal titolo “Per un mondo diverso. Basta morti nel Mediterraneo” (Cfr. Riforma.it dell’1/8/2018). Lì si ritrovano i temi trattati, con accenti diversi, dai manifestanti che si sono impegnati al porto di Catania fino alla manifestazione regionale conclusiva del 25 agosto.

Attorno a uno striscione multicolore (opera di Silvia Rapisarda), con scritto «Il mondo ci piace senza frontiere e colorato, così Dio lo ha creato (chiese battista e valdese)» si sono ritrovati fratelli e sorelle di diversa età (non più giovanissima) per testimoniare un modo diverso di rapportarsi con i problemi odierni e per dire che questo non è il mondo che Dio ha voluto e per il quale Cristo ha dato la sua vita.   Lo striscione veniva fotografato molto, ma sollecitava diverse domande.

Fortunatamente i militanti di Ordine Nuovo e di CasaPound ci hanno fatto il favore di andare altrove. Abbiamo sentito però le solite obiezioni: portateveli a casa vostra; se apriamo a questi, ci ritroviamo qui tutta l’Africa e non c’è posto per tutti; i nostri giovani non trovano lavoro e sono costretti ad emigrare; abbiamo molti poveri in mezzo a noi… Il ritornello è il solito e lo conosciamo a memoria. Anche le nostre risposte appaiono trite e ritrite. Ma non possiamo tacere sul bisogno di una conversione da parte di tutti, a cominciare da chi gestisce la finanza internazionale; dai governi che ripetono le stesse scuse, con colori diversi; dai singoli che danno sempre la colpa agli altri e non si assumono le proprie responsabilità; da chi alimenta clientelismi e corruzione, con annessa delinquenza e illegalità a vari livelli.

A conclusione la manifestazione veniva allietata dalla notizia che i migranti avevano ricevuto il permesso di lasciare la nave, ma è stata rattristata da una carica, a parer di chi scrive, ingiustificata in cui un poliziotto si lanciava in un’impresa individuale e colpiva un manifestante, lasciandolo a terra bisognoso di soccorso.

Marzo 2018: Giornata Mondiale di preghiera

Quest’anno la liturgia è stata preparata dalle donne del Surimane e il tema da loro scelto è: “Tutta la creazione di Dio è molto buona!”.

Qui a Catania il culto è organizzato da donne anglicane, avventiste, battiste, dell’esercito della salvezza, luterane, del movimento dei focolari, valdesi.

Dopo il culto ci sarà l’AGAPE comunitaria, ciascuno/a porta qualcosa da mangiare e la si condivide. A seguire ci sarà l’INCONTRO COMUNITARIO sul DOCUMENTO SULL’ECUMENISMO della Commissione nazionale delle chiese  battiste, metodiste e valdesi. Domenica ricca!